Case History

casehistory

Unico impianto in toscana in grado di trattare le apparecchiature refrigeranti dismesse RAEE R1

 

I gas utilizzati per gli apparecchi refrigeranti sono dei CFC o HCFC contenuti nei compressori/motori delle apparecchiature.

I CFC (clorofluorocarburi) sono poco utilizzati sopratutto nelle nuove apparecchiature refrigeranti a causa della loro dannosità per lo strato di ozono, dannosità dovuta esclusivamente alla presenza di cloro; i CFC sono comunemente gas incolori, senza odore o con debole odore di etere, ininfiammabili, chimicamente stabili, senza alcuna azione tossica;

Gli HCFC (idroclorofluorocarburi) rispetto ai CFC presentano idrogeno e quindi meno cloro; sono dunque meno pericolosi per lo strato di ozono, ma anche questi gas non sono più impiegati; questi composti, però sono più tossici rispetto agli omologhi CFC;

Un prodotto oleoassorbente e idrorepellente a base di POLIURETANO RICICLATO al 100%

Purygreen è studiato appositamente per l’assorbimento di pavimetazioni contaminate da oli, benzine, gasolio, vernici, e solventi.